La collezione di Vernon Lee donata al British Institute

Vernon Lee fotografata a Firenze

Vernon Lee in un’immagine d’epoca: vestita, come spesso faceva, in abiti maschili

Il British Institute di Firenze conserva un patrimonio librario di inestimabile valore: all’interno del quale, un posto di rilievo ricoprono gli oltre 400 volumi della collezione appartenuta a Vernon Lee, che vennero infatti donati al celebre istituto fiorentino alla morte della grande autrice di romanzi e novelle, avvenuta nel 1935.

La grande scrittrice franco-britannica visse infatti gran parte della sua vita a Firenze ed è quindi nella città gigliata che aveva accumulato il suo vastissimo patrimonio di libri, collezionato nel corso di una vita dedicata al viaggio, all’arte ed alla letteratura.

E’ lo stesso istituto culturale che ha sede sul Lungarno Guicciardini in Palazzo Lanfredini a dedicare una specifica pagina del suo sito alla collezione “Vernon Lee”. Ci ricorda che la collezione Lee venne donata al British Institute da Irene Cooper Willis, amica ed esecutrice testamentaria della scrittrice. Ed è sempre il sito del British che riporta una gustosa curiosità sul fondo librario di Vernon Lee: oltre a numerosi appunti, i libri della scrittrice riportano spesso le date di lettura. La scrittrice aveva infatti l’abitudine di appuntare la data in cui iniziava a leggere i testi, ed è da queste date che si capisce come fosse abituata a rileggere i diversi testi più volte. Si tratta di un informazione interessante soprattutto perchè ci dice quali erano i testi prediletti della scrittrice e quindi i suoi principali interessi.

Il fondo Vern0n Lee, liberamente aperto alla consultazione, testimonia il grande amore della scrittrice per la città gigliata, dove visse 46 dei 79 anni della sua vita, nella splendida villa “il Palmerino”.

Non è dunque casuale la conferenza organizzata proprio dal British Institute in onore della scrittrice: nel maggio 2005, a settant’anni esatti dalla sua morte, l’istituto di lingua fiorentino ha onorato la sua memoria con un convegno dal titolo: “Vernon Lee e Firenze settant’anni dopo”.

Annunci

Pubblicato il 25 ottobre 2012, in Aneddoti e notizie storiche, Personaggi illustri con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Molto interessante la vita di questa scrittrice Vernon Lee , non ne conoscevo l’esistenza. Vivere a Firenze in quegli anni doveva essere veramente Meraviglioso.Approfondirò la conoscenza. Ho appena terminato di leggere la vita di un grande Chef del secolo scorso il romagnolo Beniamino Artusi. Il suo manuale di Arte Culinaria era il preferito dalla mia nonna e dalle mie pro zie. E’ ancora nella mia cucina , un libro prezioso. Di una famiglia della buona borghesia di Forlinpopoli, si trasferì con una cuoca e un giardiniere in una palazzina situata intorno a quel incantevole luogo di pace nel pieno centro di Firenze che è il Giardino della piazza intitolato a Massimo d’Azelio.E lì vi morì.
    Con ogni Cordialità

    Paola Bizzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: