La lisca preistorica della Lastra a Signa

L’ argomento di oggi è il curioso nome di una località appena fuori Firenze che, apparentemente messo lì a caso, si rivela in realtà particolarmente denso di significazione. Sto parlando della località detta “La Lisca”, posta nel comune di Lastra a Signa che, come si vedrà appresso, ha una derivazione piuttosto interessante, connessa ad un osso di balena preistorica.

L' osso di balena preistorica della "Lisca"

L’ osso di balena preistorica che dà il nome alla frazione chiamata “La Lisca”

Appressandosi a Firenze da Montelupo Fiorentino lungo la strada statale 67 Tosco-Romagnola, ci si lasciano sulla sinistra le strettoie originate dal Masso della Gonfolina, in località Poggio alla Malva; si sorpassa poi il piccolo paese di  Brucianesi e si arriva, fatti pochi chilometri, nella frazione di Lastra a Signa che si chiama appunto “la Lisca”.

Il nome  della località ha origine da un enorme osso di balena, probabilmente una costola, che, rinvenuto in questa località, è stato murato in bella mostra sulla facciata di una della case che si affacciano sulla strada. Questa costola di balena sarebbe appunto la “lisca”, per usare un eufemismo, dell’ enorme cetaceo preistorico che abitava in queste zone milioni di anni fa.

Gli studi geologici effettuati sull’ area hanno infatti svelato che nel corso del Pliocene (un periodo che inizia più di 5 milioni di anni fa), l’ area in cui l’ enorme “lisca” è stata ritrovata era ricoperta dal mare. Sembra infatti che l’ attuale Masso della Golfolina costituisse allora una strettoia molto più angusta di oggi per il corso delle acque che scendevano a valle, causando la nascita di un invaso di ampie proporzioni nel quale nuotavano enormi cetacei preistorici. Ecco il motivo per cui l’ osso della “Lisca” è stato ritrovato in questa zona.

L' osso di balena di Cafaggiolo

L’ osso di balena preistorica di Cafaggiolo: come si vede, è praticamente identica a quella della “Lisca”

Solo con il lento scorre di milioni e milioni di anni il corso dell’ acqua ha tagliato gradualmente gli ingombranti macigni della Gonfolina, scavandosi uno stretto percorso in mezzo alle gole omonime. D’ altra parte, ancora in epoca storica, si ricorda come le vastissime paludi dell’ Osmannoro, bonificate definitivamente solo nel ‘700, fossero generate dai ristagni di acqua che venivano a formarsi proprio per l’ impedimento che le gole della Gonfolina imponevano alle acque dell’ Arno.

Ciò che è più curioso in tutta questa storia, oltre alla bizzarra origine del nome della località “la Lisca”, è che esiste un caso pressochè identico a poca distanza da qui: già in un altro articolo ho infatti parlato dell’ osso di balena di Cafaggiolo, un osso di balena che ha avuto origine quando il Mugello era anch’ esso un vasto lago preistorico. L’ osso di balena di Cafaggiolo è anch’ esso murato, in maniera del tutto simile, sulla facciata di una casa che dà sulla via, esposto come la nostra “Lisca” alla curiosità dei viaggiatori.

La cosa in realtà non deve stupire più di tanto se è vero, come affermano gli studiosi che all’ in circa 4 milioni di anni fa gran parte della Toscana era ricoperta dalle acque del mare nel quale nuotavano numerose specie ittiche fra le quali foche, orche e balene. E’ quindi verosimile pensare che di queste “lische di balena” ce ne siano molte altre sparse nel sottosuolo.

Annunci

Pubblicato il 28 maggio 2012, in Aneddoti e notizie storiche, Borghi, rioni e contrade con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. …….Un ringraziamento a chi con fatica, ricerche e studi aumenta il volere del sapere….Grazie.

    • Salve Sergio, grazie di leggere questo piccolo blog…oltre al desiderio di mantenere vivo il sapere rispetto alle curiosità di questa città c’è anche in questo blog la grande voglia e il piacere di condividere piccole perle di sapere con altri appassionati…Alla fine è dialogare con te ed altri come te che mi dà la benzina per scrivere…a presto e grazie mille

  1. Pingback: Un osso di balena preistorica? A Lastra a Signa c'è anche questo! - E di Empoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: