COSA C’ ENTRA L’ ISTITUTO STENSEN CON I GESUITI?

La storia del beato Stenone è quanto di più curioso ci possa essere. La storia della sua vita assomiglia molto più ad un romanzo che ad una agiografia, ed ha come centro la città di Firenze. Eppure la cosa più curiosa è che oggi il suo nome a Firenze significa per antonomasia cinema d’ essai. Cosa c’ entra un’ Istituto che organizza convegni e cineforum con l’ Ordine dei Gesuiti?. Qui trovate la risposta.

Ma partiamo dall’ inizio di questa storia a ritroso: a Firenze esiste un famoso centro culturale, i cui studi sono imperniati prevalentemente sul cinema e sui rapporti inter-religiosi. L’ istituto Stensen è a Firenze una vera e propria istituzione quando si parla di associazioni culturali. Il principale elemento di notorietà gli deriva dai convegni e dai cineforum organizzati, che ospitano annualmente importanti personalità del mondo politico, economico e culturale: non ultimo, nel 2011, il convegno che ha visto protagonista l’ allora governatore della Banca d’ Italia Mario Draghi. La prima scoperta curiosa è stato per me la derivazione dell’ istituto, per filiazione, diretta, dal locale ordine dei Gesuiti. Ho scoperto solo successivamente che il complesso conventuale presente nello stesso isolato dell’ Istituto Stensen è in effetti la sede dei Gesuiti di Firenze.

Mi chiedevo però cosa potesse avere a che fare il celebre Istituto che organizza convegni e mostre cinematografiche con un ordine religioso della Chiesa. La risposta mi è venuta casualmente parlando con il direttore dell’ Istituto, padre Ennio Brovedani: a dispetto della mia ignoranza, Stensen, o Stenone, è un beato della Chiesa Cattolica, che nel corso della sua vita si fece gesuita: niente di più naturale allora se l’ associazione dei gesuiti era intitolata a Stensen! Eppure dovevo scoprire che le curiosità legate al nome di Stensen non finivano qui. Stenone, nome latinizzato del celebre scienziato danese Stensen, fu fisiologo rinomato per i suoi studi sull’ anatomia del corpo umano: il suo nome è rimasto impresso nella scienza medica grazie ai cosiddetti “dotti di Stenone“, alloggiati all’ interno dell’ orecchio.

Ma non è finita qui: la serie di curiosità inanellate da questo santo è sterminata: prima di convertirsi al cattolicesimo fu infatti luterano. Accolto nel seno della Chiesa cattolica si fa ordinare sacerdote a Firenze, quindi diviene addirittura vescovo. Il motivo principale per intitolare al beato Stenone l’ associazione fiorentina che si occupa del dialogo inter-culturale dei gesuiti è il suo apostolato nella sua terra natìa, completamente luterana, dove pure conquistò il rispetto anche delle genti protestanti. Oggi il suo corpo riposa nella Basilica di San Lorenzo, in questa città di Firenze che egli sentì come propria patria verace.

Annunci

Pubblicato il 16 ottobre 2011 su Santi a Firenze. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: