PIAZZA DELLA PASSERA

PIAZZA DELLA PASSERA

Piazza della Passera è una piazzetta nella zona d’ Oltrarno che fa ridere ogni volta che viene pronunciato: in Toscana, infatti, il termine “passera” sta ad indicare, ben più che la femmina del passero, l’ organo genitale femminile: la piazzetta è quindi oggetto continuativo di battute maliziose. Situata nelle immediate vicinanze di Palazzo Pitti, la piazzetta, il cui nome in passato era “piazza Sapiti“, dal nome della famiglia che qui aveva case e fondachi, nasce per iniziativa di un ricco benefattore inglese che, per comodità degli abitanti di questa zona, intricata di viuzze e vicoli, fece demolire alcuni fabbricati di sua proprietà.

Nasce così la piazzetta che per secoli i fiorentini hanno indicato col familiare nome di Piazza della Passera, a dispetto del nome ufficiale. Il nomignolo pruriginoso sembra derivare dal fatto che in questo luogo, come in molti altri nei dintorni, esisteva un tempo un bordello, che si dice fosse frequentato addirittura dal Granduca Cosimo I. Col passare del tempo, probabilmente allo scopo di mitigare l’ invereconda origine del nome, è sorta tuttavia una leggenda alternativa, secondo la quale la piazzetta prenderebbe il nome proprio da una passera intesa come volatile: si narra infatti che, attorno alla metà del ‘300, fu raccolta in questo luogo una passerotta, che gli abitanti del luogo cercarono in ogni modo di curare. L’ uccelletto tuttavia non sopravvisse: era infatti il 1348, e la passera era malata di peste: secondo la tradizione, questo fu l’ inizio della terribile epidemia che in quell’ anno cominciò in Firenze, mietendo gran numero di abitanti.

L’ origine più probabile resta la prima, atteso che questa zona non godeva di buona reputazione: era infatti sede delle case dei “giudei” prima del loro trasferimento nel ghetto al Mercato Vecchio; esistevano inoltre molti altri postriboli, tra i quali uno nella vicinissima via de’ Vellutini. Degna di menzione, nei pressi della piazzetta, è la Fontana dello Sprone, così chiamata perchè posta su un cantone che forma un angolo acuto. Progettata da Bernardo Buontalenti, presenta un mascherone che versa acqua nella vasca sottostante, adorna di volute. La fontana era pensata in maniera che l’ acqua, riempiendo la vasca, traboccasse dando origine ad una graziosa cascatella. Pare che la Fontana dello Sprone sia servita come modello per quella posta sull’ angolo della loggia del Grano.
Ad oggi, la deliziosa piazzetta della Passera, nome che le è stato ufficialmente attribuito solo nel 2005, è frequentata soprattutto in relazione al festival musicale che vi si svolge annualmente, chiamato “Settembre in piazza della Passera“, ed alla presenza dell’ arcinota tripperia “il Magazzino”, dove fiorentini e non gustano uno dei piatti migliori della tradizione culinaria di Firenze.

Annunci

Pubblicato il 8 agosto 2011, in Edifici ed altre costruzioni artistiche e monumentali con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: